STATO DELL’ARTE E TRAIETTORIA DI SVILUPPO PER L’IMPACT INVESTING PER I CAPITALI PRIVATI ITALIANI

L’intervista di Fondazione Lang Italia ad Andrea Cingoli, esperto di finanza sociale, approfondisce il potenziale dell’impact investing in Italia e le leve d’ingaggio per gli HNWI, delineando il ruolo che possono giocare le private bank e gli altri operatori professionali per lo sviluppo del settore

Può riassumerci lo stato dell’arte e il potenziale per l’Italia degli strumenti di impact investing?
Dobbiamo partire da alcune premesse. In primo luogo, dalla constatazione che i capitali privati in Italia rappresentano una ricchezza: il nostro è uno dei Paesi con il maggior risparmio da parte di privati e una concentrazione di capitali nella fascia high-net-worth (>1 milione di euro) molto superiore alla media.

Leggi l’intera notizia direttamente dalla Fonte

Fonte: Fondazione Lang Italia

Condividi: