NAPOLI, LE CATACOMBE E IL RISCATTO DEL RIONE SANITÀ. I RAGAZZI AL PAPA: “NON CI FATE CHIUDERE”

Lavorano nelle viscere della Sanità da 12 anni: i ragazzi della “Paranza” hanno creato sviluppo in un rione soffocato da raid di camorra con l’aiuto di don Antonio Loffredo e “L’altra Napoli onlus”. La giovane cooperativa ha riaperto le catacombe di San Gennaro a Napoli, e incrementato il numero di turisti del sito da seimila a 130mila l’anno. Un piccolo miracolo che ha offerto un’alternativa anche a ragazzi dal passato burrascoso.

Ma il “modello Sanità” è a rischio: il Vaticano ha chiesto alla coop 700mila euro, la metà degli incassi della biglietteria. “Una cifra insostenibile per garantire l’occupazione” spiegano i responsabili. E’ partita così una petizione su Change.org I ragazzi hanno rivolto un appello al Papa: “Venite a vedere cosa sono diventate le catacombe, a emozionarvi con noi, e forse capirete quanto vale il sito per la Sanità. Questo posto ci ha cambiato la vita”.

Guarda il video direttamente dalla Fonte (Repubblica.it)

Ad oggi hanno firmato la petizione più di 80mila persone. Se vuoi firmare la petizione clicca qui

Condividi: