FONDAZIONE PAIDEIA PER I BAMBINI UCRAINI

Fondazione Paideia si è attivata aprendo un fondo dedicato all’emergenza Ucraina e partendo con un un convoglio di quattro mezzi da Torino con destinazione il confine tra Polonia e Ucraina, dove sono rifugiati decine di migliaia di profughi in fuga dalla guerra. La spedizione, con personale e mezzi della Fondazione Paideia, della Cooperativa Pausa Café e dell’Associazione Accomazzi, si è diretta nella zona di confine, con l’obiettivo di supportare le donne e i bambini in fuga e impostare azioni di solidarietà in relazione ai bisogni raccolti.

Una prima missione di ricognizione dei bisogni delle popolazioni sfollate e una risposta all’appello di don Volodymyr Moshchych, sacerdote ucraino e cappellano dell’ospedale infantile di Leopoli, che ha individuato alcuni bambini con disabilità da evacuare da Leopoli insieme ai familiari presenti, in particolare mamme, fratelli o sorelle.

In questa prima spedizione saranno consegnate a don Volodymyr scorte di medicinali raccolte grazie alle generosità di alcune farmacie torinesi e di alcuni privati e saranno portati al sicuro i bambini e le mamme, che viaggeranno al ritorno con il convoglio, iniziativa condivisa con il tavolo torinese per l’emergenza.

Una volta giunti in Italia, le famiglie ucraine potranno ricevere accoglienza presso alcune strutture messe a disposizione dalla Fondazione Paideia.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Condividi: