DA LUCCA A BOLOGNA, DALLA PUGLIA A PESCARA: LE IDEE DI IMPRESA SOSTENIBILE VINCITRICI DELL’INTERNATIONAL PROXIMITY PROJECT DEL CENTRO ITALIA

Essere un vero e proprio connettore sociale, capace di aggregare energie nuove con quelle già presenti sul territorio in un’ottica di coesione sociale più ampia. È questa la mission profonda che anima l’Hub di Prossimità La Rana Rosa – nato dal progetto Welfare di Prossimità promosso dalla Fondazione Èbbene, Fondazione San Gennaro, Collegio del Mondo Unito e Finanziato dal Ministero del Lavoro – che il 7 e l’8 febbraio si è acceso di protagonismo giovanile. Dieci giovani team del Centro Italia, in occasione dell’International Proximity Project si sono sfidati negli ipogei della Basilica del Buon Consiglio a Capodimonte, a Napoli, in una full immersion che ha arricchito il bagaglio personale e di esperienze di tutti i partecipanti, nell’ottica di definire nel concreto l’offerta di valore e lavorare alla creazione di un team solido e partnership produttive.

Al centro della due giorni i giovani, quelli che sognano di prendersi cura delle fragilità del proprio territorio e di chi ci vive. Quelli che ogni giorno cercano di trasformare in una realtà concreta le loro idee di impresa sostenibile. E che oggi, grazie anche al supporto dei mentor di Next – Nuova Economia per Tutti, gettano le fondamenta per costruire il domani. Quello da cui non è più necessario fuggire, quello tangibile nei fatti, nelle azioni.

Dieci i gruppi partecipanti, quattro, provenienti da Lucca, Puglia, Bologna e Pescara, quelli premiati con 10 mila euro e un supporto nella fase di progettazione per mettere in campo le loro idee. Un trampolino di lancio che porterà alla nascita di nuovi Hub di Prossimità. Spazi pronti ad accogliere e guidare altre energie giovani, a fornire gli strumenti e le competenze, a non lasciare indietro nessuno.

I progetti vincitori sul sito di Fondazione Èbbene.

Condividi: