CONTRASTARE IL DIGITAL DIVIDE: IL PROGETTO DIGITALL

Avere accesso a internet è fondamentale per poter esercitare pienamente i propri diritti, ma in Italia sono ancora troppe le persone che non hanno i mezzi per poterlo fare. A Torino il progetto DigitALL dell’Ufficio Pio si è posto l’obiettivo di fornire gli strumenti materiali e immateriali alle famiglie a più basso reddito per poter superare questo divario. L’articolo su Percorsi di Secondo Welfare

Nelle fasi più acute della pandemia, la necessità di trovare modalità per lavorare e studiare da remoto ha reso evidenti due grandi temi. Il primo è che le competenze digitali di base sono imprescindibili non solo per poter accedere al mondo del lavoro, ma anche per godere del diritto allo studio e, più in generale, dei principali diritti legati alla cittadinanza. Il secondo è che la pandemia ha fatto emergere ancora più chiaramente il divario digitale (o digital divide) a cui è sottoposta una parte non irrilevante della popolazione italiana. Per queste ragioni l’Ufficio Pio, ente strumentale di Fondazione Compagnia di San Paolo, ha lanciato un progetto che mira a favorire l’accesso alla rete e l’alfabetizzazione digitale delle componenti più escluse della popolazione di Torino. L’iniziativa si chiama DigitALL e ve la raccontiamo in questo articolo.

L’articolo completo su secondowelfare.it

Condividi: