AMICI E NEMICI DELLA FINANZA AD IMPATTO

Nel dialogo tra Giovanna Melandri, presidente di Human Foundation e sir Ronald Cohen, fondatore del Gsg – Global Steering Group for Impact Investment, andato online sui canali social di Vita in occasione dell’uscita in Italia del libro “Impact”, si è parlato delle forze che guidano il cambiamento per una finanza a impatto oggi e di chi lo sta frenando

La lettura del libro di Ronald Cohen “Impact” «dà elementi che aiutano a capire quando siamo vicini a una novità», ha detto il direttore di Vita Stefano Arduini nella presentazione dell’incontro (andato online sui canali social di Vita e Human Foundation) tra il leader mondiale della finanza ad impatto e Giovanna Melandri, presidente di Human Foundation in un dialogo che ha sviscerato anche i tanti ostacoli che ancora frenano l’impact revolution. «Ce la facciamo?» ha chiesto Melandri a Cohen che ha risposto indicando le “tre forze del cambiamento” che sono all’opera per rendere più vicina la finanza a impatto.
Si tratta dei valori soprattutto delle nuove generazioni che aiutano a riorientare in senso sostenibile gli investimento, della tecnologia che può favorire l’energia pulita e «la più sorprendente: la tecnologia applicata ai big data», perché ha sottolineato Cohen «la gestione dei dati ci consente di misurare l’impatto sociale e ambientale: è questa la vera struttura intangibile del sistema».

CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA SU VITA

Condividi: