VA BENE TUTTO, MA…

Perché, una volta approvata la Riforma del Terzo settore, le leggi provano a scantonarla? A prevedere un certo trattamento per gli ETS, ma anche per altri; per le imprese sociali, ma anche per altri. Ciò crea confusione e rischia di sterilizzare il significato della Riforma.

Va bene tutto, ma a forza di trovare buoni motivi per scantonare la riforma, si rischia di sterilizzarla.

Va bene che nei provvedimenti emergenziali il Governo, per evitare di lasciar fuori dalle forme di sostegno anche chi, pur non essendo di Terzo settore, opera in modo analogo per l’interesse generale come gli enti religiosi civilmente riconosciuti, li includa.

Va bene che si prevedano misure specifiche per gli enti sportivi dilettantistici, dal momento che per molti di essi non è conveniente, rispetto al regime attuale, farsi riconoscere come Enti di Terzo settore.

Va bene che ci si ponga, in questa situazione straordinaria, il problema di come sostenere i soggetti di Terzo settore che fanno attività di impresa pur non essendo imprese sociali.

Continua a leggere direttamente dalla fonte (rivistaimpresasociale.it)

Share: