TRA BUCAREST E MANTOVA, IL SOSTEGNO DI FONDAZIONE MARCEGAGLIA ALL’ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI DALL’UCRAINA

Sono fuggiti e continuano a farlo con un unico desiderio nel cuore, quello di tornare al più presto nella loro terra e ricominciare la loro vita di prima. Ma quel prima purtroppo è sempre più lontano e l’emergenza che sembrava momentanea si sta trasformando in qualcosa di molto più lungo nel tempo e difficile da superare.

È questa la situazione che stanno vivendo milioni di persone, soprattutto donne e bambini, profughi dall’Ucraina in guerra ed è per questo sempre più importante sostenere non solo interventi di emergenza, ma anche progetti che li aiutino a inserirsi in un nuovo contesto nel quale dovranno vivere per un periodo più lungo.

Grazie al proprio partner Punto Missione Onlus, Fondazione Marcegaglia ha scelto di continuare a sostenere proprio uno di questi progetti a Bucarest, presso il Villaggio dei ragazzi, un centro che è stato messo a disposizione dell’accoglienza. Il villaggio può ospitare fino a 50 persone al giorno, ma dopo un primo momento, la metà di loro vivono qui stabilmente.

Qui, ulteriori informazioni sull’iniziativa

A Mantova, invece, grazie ad un fondo messo a disposizione da Fondazione Marcegaglia e con la collaborazione di Associazione Musica Nuova-Nuova scuola di Musica, Caritas, Scuola senza frontiere e Sistema di accoglienza integrato, è stato avviato un servizio a favore di donne e bambini da 0 a 14 anni.

Presso la Parrocchia di san Barnaba, è nato un luogo di ritrovo per le famiglie in fuga dall’Ucraina, la cui quotidianità è stata bruscamente interrotta e stravolta, un luogo dove sia gli adulti che i bambini possano trovare attività di socializzazione e di formazione (principalmente linguistica) e di sostegno psicologico per favorire una reazione proattiva davanti alla tristezza e alla disperazione.

Ulteriori informazioni sul sito di Fondazione Marcegaglia

Condividi: