RIFORMA INCISIVA E PROFONDA PER IL NON PROFIT

L’attuazione governativa della delega conferita dal Parlamento con la legge 106/2016, con l’approvazione dei quattro decreti che costituiscono la struttura portante della riforma del terzo settore, ridisegna il quadro di riferimento dei soggetti non for profit (cioè di quegli enti che perseguono scopi ideali non volti al conseguimento di un profitto) della società civile

La grande attenzione riservata dal legislatore nell’opera di riforma nasce dalla constatazione che il cosiddetto terzo settore è un settore trainante dell’economia, settore sussidiario in grado di fornire funzioni e servizi prima svolte dal soggetto pubblico[…] © Riproduzione riservata

L’Autore ha riservato la riproduzione. E’ possibile leggere l’intero articolo esclusivamente dalla Fonte

 

Fonte: Il Sole 24 Ore – Chiara Borghisan*
*Componente della commissione enti non profit e cooperative sociali dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

Share: