#PhilanthropyDoesNotStop – LE NOTIZIE DALL’EUROPA

CAMBIARE LE MODALITÀ DI FINANZIAMENTO E RENDICONTAZIONE: DOMANDE E IDEE DALLA TERZA EDIZIONE DELLA SERIE “WHAT IF? REIMAGINING PHILANTHROPY”

Prima dell’inizio della pandemia, il Center for Effective Philanthropy ha fornito una fotografia dello stato dei finanziamenti pluriennali a supporto delle organizzazioni messi in campo da fondazioni ed enti filantropici. Hanno scoperto che c’è “una sconcertante disconnessione” tra gli atteggiamenti dei Segretari Generali e dirigenti delle fondazioni e le pratiche delle loro organizzazioni: mentre credevano che il supporto di base pluriennale fosse una buona pratica, pochissimi fornivano questo tipo di supporto.

Alla luce degli effetti della pandemia, sembra esserci una maggiore consapevolezza della necessità e impatto dei sistemi di supporto finanziario delle fondazioni ed enti filantropici. Questa la questione approfondita all’interno del terzo appuntamento di “What if? Reimagining Philanthropy”, uno spazio uno spazio inclusivo per dibattiti stimolanti volti a generare nuovi possibili percorsi per la filantropia, che ha visto l’intervento di Lauren Bradford, Founding Partner, Radical Flexibility Fund, Carola Carazzone, Segretario Generale di Assifero e futura Vicepresidente di Philea, e Karin Haselböck, Head of Strategic Planning, Ashoka Europe.

RIVEDI GLI INTERVENTI DELL’EVENTO

ONLINE IL VERIFICATION HANDBOOK FOR DISINFORMATION AND MEDIA MANIPULATION

L’European Journalism Centre, sostenuto dalla Craig Newmark Philanthropies, ha pubblicato un nuovo libro per respingere la disinformazione e la manipolazione dei media. Quest’ultima edizione arriva in un momento critico: il mondo dell’informazione è più caotico e semplice da manipolare. Questo libro fornisce ai giornalisti le conoscenze per indagare su account di social media, bot, app di messaggistica privata, operazioni di informazione, deep fakes, così come altre forme di disinformazione e manipolazione dei media.

SCOPRI DI PIÙ

ROMPERE IL CICLO DELLA FAME PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE: UN NUOVO RAPPORTO

Il mito dei costi di struttura, che suggerisce che debbano essere tenuti bassi dalle organizzazioni non profit per dimostrare la loro efficienza, ha portato tantissime fondazioni e donatori a evitare di coprirli, proponendo solo finanziamenti a specifici progetti, e ha portato al cosiddetto “ciclo della fame”. In questo rapporto, Administration Costs Research Project, commissionato dal progetto collaborativo Real Cost, Real Change (FRC), vengono portate nuove evidenze sulla percentuale di costi di struttura coperti dalle fondazioni e vengono condivise raccomandazioni su come gli enti filantropici e i donatori possono fornire supporto alle organizzazioni e rafforzare la loro resilienza e salute finanziaria.

LEGGI IL RAPPORTO

É LA DESTINAZIONE CHE CONTA, O IL VIAGGIO?

In questo articolo Delphine Moralis, futuro CEO di Philea, e Max Von Abendroth, futuro Chief Strategy Officer di Philea, raccontano le lezioni apprese e il percorso che ha portato alla fusione tra EFC (European Foundation Centre) e Dafne-Donors and Foundations Networks in Europe e la nascita di Philea.

LEGGI L’ARTICOLO

INTERSECTIONAL ENVIRONMENTALISM: HOW FOUNDATIONS SIMULTANEOUSLY ADDRESS RACE AND CLIMATE

Conserving natural spaces. Cleaning up waterways. Reducing the use of fossil fuels. At first glance, all of these areas may seem to just be environmental issues. Yet foundations (among many others) are increasingly advocating with their money and their megaphones that environmental and racial issues are intertwined. To make the most environmental impact, race needs to also be part of the conversation and the action, according to many nonprofit leaders.

ADAPTATION IN THE FACE OF WAR: THE EXPERIENCE OF ZAGORIY FOUNDATION

Change can be surprising, discouraging, and immobilising. Especially when it comes unexpectedly and uninvited. Like, for example, a missile attack on your city at five in the morning.

Condividi: