#PhilanthropyDoesNotStop – LE NOTIZIE DALL’EUROPA

Edizione 33 // PEX FORUM 2021 – GREEN NEW DEAL GLOBALE – LE RISPOSTE DELLA SOCIETÀ CIVILE ALLA DISINFORMAZIONE – SHIFTING POWER TO COMMUNITIES IN GRANT FUNDING – WHY I FUND PHILANTHROPY SUPPORT ORGANIZATION –

PEX FORUM 2021 – FROM CRISIS TO RENEWAL

Oltre 160 leader ed esperti delle più importanti organizzazioni nazionali e regionali di supporto alla filantropia europea si sono ritrovati online per confrontarsi durante la seconda edizione del PEX Forum, organizzata e promossa congiuntamente da DAFNE (Donors and Foundations Networks in Europe) e Ariadne (European Funders for Social Change and Human Rights)

Due giornata uniche di confronto durante le quali i partecipanti hanno esplorato i valori chiave che uniscono la filantropia europea e si sono interrogati su come far evolvere e sviluppare insieme l’ecosistema filantropico per un’Europa sostenibile e giusta.

LEGGI “THE SOCIAL LIFE OF FORESTS: TAKEAWAYS FROM THE CO-CREATION OF THE PEX COMMUNITY”, IL PUNTO DI VISTA DI CAROLA CARAZZONE, SEGRETARIO GENERALE DI ASSIFERO SUL PEX FORUM 2021

LEGGI IL REPORT E GLI SPUNTI DEI PARTECIPANTI ALLA CONFERENZA

PERCHÉ ABBIAMO BISOGNO DI UN GREEN NEW DEAL GLOBALE – E COME OTTENERLO?

Come possiamo integrare permanentemente i principi di giustizia economica globale e di solidarietà nei quadri nazionali del “Green New Deal” che stanno emergendo in tutto il mondo? Come possiamo garantire a tutti, in questa transizione, il diritto a una vita dignitosa e assicurare che il Sud globale non diventi una “zona di sacrificio” estrattiva per alimentare i sogni verdi del Nord?

Per saperne di più iscriviti al seminario del 16 febbraio alle 18, promosso da EDGE Funders Alliance, che fornirà un’introduzione accessibile al concetto di un ” Green New Deal globale”, gli attori chiave che promuovono diversi aspetti di questo lavoro, la posta in gioco per la COP26 e i movimenti globali, e come le fondazioni ed enti filantropici possono sostenere questo progetto e incorporare questo inquadramento nei loro sforzi per il clima.

REGISTRATI QUI

EFC (EUROPEAN FOUNDATION CENTRE) E DAFNE (DONORS AND FOUNDATIONS NETWORKS IN EUROPE) RICERCANO UN RESPONSABILE DELLA COMUNICAZIONE SENIOR

La figura di cui sono alla ricerca deve essere un responsabile della comunicazione con diversi anni di esperienza, mission-driven, creativo e strategico.

SCOPRI DI PIÙ

LA MAPPATURA DELLE RISPOSTE DELLA SOCIETÀ CIVILE ALLA DISINFORMAZIONE

Le organizzazioni della società civile svolgono un ruolo centrale nell’affrontare il crescente impatto della disinformazione sulla democrazia, un panorama che si è evoluto rapidamente.

Gli sforzi consolidati per combattere la disinformazione hanno incorporato le nuove sfide poste dai social media nei loro programmi, mentre sono emerse nuove iniziative per colmare le lacune nella ricerca, nel monitoraggio e nell’advocacy. Il lavoro di queste organizzazioni nella lotta alla disinformazione è fondamentale per plasmare positivamente la politica, migliorare le risposte delle piattaforme e migliorare la conoscenza e l’impegno dei cittadini.

Tuttavia, le organizzazioni della società civile affrontano sfide continue in questo campo complesso e in rapida evoluzione. Come è cresciuta la società civile nella sua comprensione e risposta alla sfida della disinformazione digitale e cosa dovrebbe essere fatto per potenziare ulteriormente questo lavoro? A queste domanda vuole rispondere il working paper realizzato dal National Endowment for Democracy

SCARICA E LEGGI IL PAPER

SHIFTING POWER TO COMMUNITIES IN GRANT FUNDING

To truly advance racial justice, funders must share decision-making power over who receives capital with the communities they hope to serve.

For all the attention paid to diversity in board and executive leadership, and in who receives grants, another fundamental area of racial justice in the funding world is ripe for exploration: Who has decision making power over where capital flows? In a poll of over 200 funders who attended a webinar that Common Future and Dalberg co-convened on shifting power, 23 percent said who has decision-making power over funding is one of the main priority areas that funders need to change to advance racial justice (which was the top area of concern for attendees).

CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA DIRETTAMENTE DALLA FONTE (STANFORD SOCIAL INNOVATION REVIEW)

WHY I FUND PHILANTHROPY SUPPORT ORGANIZATION

Share: