L’OCSE LANCIA IL CENTRE FOR WELL-BEING, INCLUSION, SUSTAINABILITY AND EQUAL OPPORTUNITY

Il Centro fornirà soluzioni tempestive per gli SDGs, racconta la direttrice in questo articolo.

La crisi globale del Covid-19 ha cambiato radicalmente le nostre vite – influenzando il benessere di ognuno di noi e delle società nel loro insieme. La pandemia ha portato alla luce e in parte aggravato i divari sociali, colpendo più duramente i gruppi della popolazione più vulnerabili. In questo passaggio critico per l’umanità, l’Ocse ha creato il Centre for well-being, inclusion, sustainability, and equal opportunity (Wise) per fare in modo che le strategie di ripresa e la ricostruzione post-covid diventino strumento per promuovere benessere, equità e sostenibilità. Con un approccio multidimensionale e multidisciplinare, Wise vuole fornire soluzioni di policy tempestive nell’ottica dei Sustainable Development Goals.

Affinché i governi non si limitino alla performance economica nelle loro politiche, WISE utilizza nuove metodologie e nuovi dati per misurare progresso e benessere sociale oltre il PIL. Le metriche e metodologie utilizzate dal centro WISE esplorano dimensioni spesso trascurate come benessere psicologico, relazioni sociali, equilibrio tra lavoro e vita privata, benessere soggettivo, sicurezza personale, impegno civico e qualità del lavoro.

Migliorare il benessere della società e degli individui garantendone la sostenibilità nel tempo è il fulcro dei Sustainable Development Goals. Wise contribuisce al progresso nell’analisi e nel monitoraggio degli SDGs attraverso il progetto Measuring distance to the SDG targets. Attraverso una nuova metodologia che consente di confrontare i progressi e misurare i risultati, Wise fornisce una panoramica della performance e delle esperienze dei paesi Ocse nell’implementazione degli SDGs, assistendoli nell’identificazione delle loro priorità per conseguire uno sviluppo sostenibile.

Come evidenziato nel report OCSE, Child well-Being and the Sustainable Development Goals, catturare l’esperienza dei bambini e dei ragazzi è un elemento chiave dell’agenda 2030. Al fine di progettare politiche efficaci per il benessere dei giovani, occorrono dati completi e tempestivi su ciò che accade nelle loro vite, soprattutto in tempi come quelli della pandemia. Attraverso strumenti come il Child well-being data portal, Wise contribuisce a migliorare il monitoraggio del benessere giovanile. In particolare, il nuovo report Measuring what matters for child well-being and policies individua le lacune presenti nella raccolta dei dati sui bambini e sui ragazzi, e delinea un framework che identifica gli principali aspetti da analizzare per misurare il loro benessere. Il carattere innovativo del framework sta nel cogliere le molteplici interazioni tra le varie aree della vita dei bambini (benessere materiale, fisico, sociale, emotivo, risultati scolastici) e l’ambiente che li circonda durante la crescita (famiglia, quartiere, comunità). L’obiettivo è quello di informare e motivare il progresso nelle politiche per il benessere dei bambini, al fine di offrire uguali opportunità a tutti i giovani, migliorare le loro prospettive di vita e quelle delle generazioni a venire.

CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA DIRETTAMENTE DALLA FONTE (Futura Network)

Share: