LA CITTADINANZA ATTIVA È UNA RIVOLUZIONE

Becchetti, economista e attivista, studioso e animatore, ricercatore e facitore di reti raccoglie nel suo ultimo libro le riflessione di una vita. Le analisi sulle patologie del sistema economico e della globalizzazione e le proposte per uscirne e per promuovere un’economia di pace, cioè sostenibile. Con al centro una cittadinanza capace di generatività

Leonardo Becchetti è economista instancabile, studioso e attivista, riesce nelle stesse 24 ore a concentrarsi su un saggio economico o su una ricerca sugli indicatori di generatività e insieme a partecipare a una assemblea di organizzazioni della società civile, nella stessa settimana può coordinare una riunione sulla piattaforma di vendita online dei prodotti più sostenibili d’Italia e partecipare a riunioni estenuanti al Ministero della transizione ecologica per segnare qualche punto in favore di una transizione vera. Non stanco promuove e anima una delle novità di questi anni, il Festival dell’Economia civile.

Ordinario di Economia Politica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Roma “Tor Vergata”, direttore del corso di specializzazione in European Economics and Business Law e del Master MESCI di Development and International Cooperation, ha pubblicato quasi 500 lavori tra articoli su riviste internazionali e nazionali, volumi, contributi a volumi, quaderni di ricerca. È tra i fondatori e oggi Presidente del comitato scientifico di Next – Nuova Economia per Tutti, un’associazione di promozione sociale di terzo livello, che crea network tra associazioni, imprese, amministrazioni pubbliche, scuole, università e cittadini, che agiscono “dal basso” per la sostenibilità.
Tra i suoi numerosi saggi: Il denaro fa la felicità? (Laterza 2007); Il mercato siamo noi (Bruno Mondadori 2013); Winkieconomia. Manifesto dell’economia civile (Il Mulino, 2014); (con Zamagni S. e Bruni L.) Economia civile e sviluppo sostenibile. Progettare e misurare un nuovo modello di benessere (Ecra 2019); Bergoglionomics. La rivoluzione sobria di papa Francesco (Minimum fax 2020).

LEGGI L’ARTICOLO

Condividi: