IL VERTICE DI LABSUS CAMBIA PER FARE SPAZIO A NUOVE ENERGIE!

Pubblichiamo una sintesi della relazione di Gregorio Arena all’Assemblea di Labsus, tenutasi a Roma il 18 settembre, nel corso della quale ha comunicato la sua decisione di lasciare la Presidenza per i motivi che racconta nell’editoriale

Ho fondato Labsus per difendere un’idea. Avrei potuto limitarmi a scrivere un libro, come poi in realtà ho fatto pubblicando Cittadini attivi. Ma la mia ambizione è sempre stata quella di cambiare le cose e per farlo non ho esitato, come si usa dire, a “sporcarmi le mani”, per esempio innovando radicalmente la gestione del diritto allo studio in qualità di Presidente dell’Opera Universitaria della mia Università di Trento, oppure candidandomi nel Consiglio della Provincia Autonoma di Trento per riformarne l’amministrazione, oppure ancora partecipando all’elaborazione ed all’attuazione di alcune delle grandi riforme amministrative degli anni Novanta del secolo scorso.
Per questo pensai che un libro non sarebbe bastato, ci voleva un soggetto, un’associazione, un qualcosa che moltiplicasse le mie forze e che un giorno fosse in grado di funzionare anche senza di me. Perché è vero che le istituzioni (anche un’associazione può essere un’istituzione, in questo senso) a volte soffocano le idee, ma al tempo stesso garantiscono la loro durata e stabilità nel tempo.

L’articolo completo su labsus.org

Share: