IL RUOLO DELLE IMPRESE SOCIALI E DELLE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE NEI PROCESSI DI RIGENERAZIONE URBANA

Sul numero 3/2021 di “Impresa Sociale” si approfondisce come e perché all’interno di percorsi di rigenerazione urbana le organizzazioni non profit possano portare avanti interventi in grado di rivitalizzare il tessuto sociale di intere aree.

Stampa articoloLeggi 

In un articolo pubblicato sul numero 3/2021 della rivsta Impresa Sociale Andrea Bernardoni, Massimo Cossignani, Daniele Papi e Antonio Picciotti indagano quale sia il ruolo delle imprese sociali e delle organizzazioni del Terzo Settore all’interno dei processi di rigenerazione urbana. Di seguito vi presentiamo i principali contenuti del loro approfondimento, che potete trovare nella sua versione integrale nel sito di Impresa Sociale.

Da riqualificazione a rigenerazione urbana, un cambio di prospettiva

Gli autori spiegano che “rigenerazione urbana” è un termine nuovo all’interno delle discipline che trattano la questione urbana. La definizione non si presta a fraintendimenti. Essa rappresenta “un’attività di trasformazione che incide sulla struttura e sull’uso della città“. Ma non solo. Perché implica infatti “cambiamenti non solo spaziali e fisici ma anche economici, culturali, sociali e creativi“. Un processo di trasformazione evidentemente non semplice, ma decisamente chiaro negli intenti e nei risultati che ci si aspetta.

In precedenza si parlava di ri-qualificazione urbana per tutti quegli interventi sul territorio finalizzati a contrastare “processi di degrado”, che rendevano per l’appunto queste zone de-qualificate. Una prospettiva che si presta a facili strumentalizzazioni e relativismo. Anche per questo il passaggio da un’espressione all’altra non è stato di natura meramente lessicale, quanto un simbolico passo all’interno di un percorso più complesso.

Il termine urban regeneration ha origine nei paesi anglosassoni: sono esempi di grandi interventi quelli operati a Liverpool, Manchester, Newcastle, Glasgow. La stessa trasformazione è avvenuta a Bilbao e Barcellona in Spagna, a Torino Genova e Milano in Italia, a Marsiglia e Nantes in Francia, a Lipsia e nell’area della Ruhr in Germania, dove il più grande distretto industriale del Centro-Europa è divenuto un famoso distretto culturale, scientifico, tecnologico ed ambientale.

Condividi: