FONDAZIONE EBBENE TRA I FIRMATARI DE LA CARTA DI FIRENZE PER L’ECONOMIA CIVILE

Ebbene tra i firmatari de La Carta di Firenze che riassume in otto punti la proposta di molte imprese per sostenere il valore del lavoro e delle persone. Il documento è stato consegnato venerdì scorso, al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione del Festival Nazionale dell’Economia Civile di Firenze. 

Il futuro dopo il Coronavirus

“Noi cittadini – scrivono i promotori – donne e uomini, liberi di spirito, impegnati nei campi più diversi del lavoro, della ricerca e dell’insegnamento, delle arti, dei mestieri e della creatività, della cooperazione – che amiamo l’Italia e ci sentiamo parte viva d’Europa – in questi mesi segnati dalla pandemia e dalla crisi ambientale, sentiamo l’urgenza di un cambio di rotta e di un impegno comune più incisivo, in difesa della salute, della scuola, del lavoro, dell’ambiente e del benessere collettivo”. 

Seguono le otto proposte che il documento rimette al centro per ripensare allo sviluppo del Paese. 

SOSTENERE il valore del lavoro e delle persone, CREDERE nella biodiversità delle forme d’impresa, PROMUOVERE la diversità e l’inclusione sociale, VALORIZZARE l’impresa come luogo di creatività e di benessere, INVESTIRE nell’educazione e nella promozione umana, PROPORRE una nuova idea di salute e di benessere, COLTIVARE il rispetto e la cura dell’ambiente, ATTIVARE energie giovani, innovazione e nuove economie.

Per approfondire le proposte e firmare la carta, clicca qui. 

Condividi: