IL CONTRIBUTO ANALITICO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA RIFORMA DEL TERZO SETTORE

Suddivisa in più parti l’Amministrazione finanziaria dello Stato offre una sintetica panoramica dell’intero corpus normativo del Codice, nella consapevolezza che la tenuta della nuova disciplina si potrà misurare solo in sede di concreta applicazione. Le prime due puntate

 

L’adozione di un testo normativo organico e unitario è stata specificamente prevista dalla legge delega 106/2016 nel quadro della riforma complessiva del settore non profit.

Il Codice del Terzo settore, adottato con il Dlgs 117/2017, supera l’approccio occasionale e contingente della previgente disciplina e provvede al riordino sistematico e alla revisione organica della normativa speciale e delle altre disposizioni vigenti relative agli enti del Terzo settore, compresa la disciplina tributaria a essi applicabile.

Leggi l’intera notizia direttamente dalla Fonte

 

Il testo riscrive la disciplina degli enti non profit con riguardo sia agli aspetti organizzativi interni sia alla fase dei controlli. Lo stesso decreto ha riformato anche lo statuto fiscale

Elencazione e regolamentazione dettagliata delle varie tipologie di enti del Terzo settore, istituzione del Registro unico nazionale, nuove forme di finanziamento, promozione e sostegno, razionalizzazione dell’attività di controllo, revisione del regime fiscale. Sono questi, in sintesi, i contenuti più rilevanti del Dlgs 117/2017.

Leggi l’intera notizia direttamente dalla Fonte

 

Fonte: FiscoOggi.it – Gennaro Napolitano

Condividi: