IL CONTRIBUTO ANALITICO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA RIFORMA DEL TERZO SETTORE

Le puntate cinque e sei della sintetica panoramica che l’Amministrazione finanziaria dello Stato offre in riferimento all’intero corpus normativo del Codice

Prevista l’istituzione, presso il ministero del Lavoro e delle politiche sociali, di un Registro unico nazionale con dati e informazioni sugli enti non profit, suddiviso in specifiche sezioni

In attuazione di quanto stabilito dall’articolo 4, comma 1, lettera m, legge 106/2016 e con l’obiettivo di “riorganizzare il sistema di registrazione degli enti e di tutti gli atti di gestione rilevanti, secondo criteri di semplificazione”, di superare la molteplicità di registri che caratterizzava la disciplina previgente e di garantire la piena conoscibilità in tutto il territorio nazionale dei dati e delle informazioni relativi agli enti non profit, una delle novità più rilevanti previste dal Codice è rappresentata dall’introduzione del Registro unico nazionale del Terzo settore.

Leggi l’intera notizia direttamente dalla Fonte

 

Per favorire e promuovere il sostegno delle attività svolte dagli enti non profit sono previsti specifici strumenti finanziari: emissione di titoli di solidarietà e social lending

Le disposizioni dei Titoli VII (articoli da 55 a 57), VIII (articoli da 58 a 76) e IX (articoli 77 e 78) del Codice sono dedicate rispettivamente alle sinergie possibili tra enti non profit e pubblica amministrazione nella realizzazione di iniziative di carattere sociale, alla promozione e al sostegno del Terzo settore e alla disciplina di due strumenti finanziari pensati per alimentare il circuito economico di supporto agli enti.

Leggi l’intera notizia direttamente dalla Fonte

 

Fonte: FiscoOggi.it – Gennaro Napolitano

Share: