BENEFICI FISCALI AL NON PROFIT: CONTROLLI RIGOROSI SUI PRESUPPOSTO OGGETTIVI ALTRIMENTI SI PROFILA “L’AIUTO DI STATO”

Per riconoscere lo “sconto” fiscale occorre indagare sull’agevolazione ovvero sull’attività concretamente svolta dall’ente

La riduzione alla metà dell’aliquota Ires, normativamente prevista in favore degli enti ecclesiastici, richiede non solo il criterio meramente soggettivo, quale la qualifica dell’ente, ma anche il requisito oggettivo della natura dell’attività svolta in concreto dall’ente stesso.
È il principio di diritto ribadito dalla suprema Corte, con l’ordinanza n. 25586 del 13 dicembre 2016.

Leggi l’intera notizia direttamente dalla Fonte

Fonte: FiscoOggi.it – Dora De Marco

Condividi: